Il viaggio è il mio maestro di vita - La meravigliosa storia di Giada

Aggiornato il: 30 nov 2020

Lei è una viaggiatrice esperta. Una ragazza che adora perdersi con i suoi capelli al vento e lungo i passi delle sue esperienze chiede a se stessa nuovi insegnamenti e una magica sapienza che oggi in una delle sue pause tra le campagne inglesi ci offre in gentile dono.

La storia di Giada ci donerà da subito la motivazione e una marcia in più.



Qual è la voglia maggiore che porta una donna a non bastarsi e cercare attraverso la libertà qualcosa di autentico?

Fin da piccola non mi sono mai sentita italiana e non solo perché sono mezza austriaca, ma perché mi sono sempre sentita di non appartenere solo ad un luogo, una nazione o un pianeta. Mi sento un tutt’uno con l’universo, con l’energia universale che ci avvolge e ci abbraccia. Mi considero una nomade nella vita e nello spirito perché qualsiasi cosa nella mia vita deve lasciami libera ed essere lasciata libera.


La libertà molte volte non ci rendiamo conto che siamo noi stessi a privarcela, con ideologie apprese esternamente, ma noi nasciamo essere liberi e così dobbiamo cercare di ritornare, riconnettendoci con la natura, gli animali, la vita semplice e dando importanza al Tempo, al nostro tempo che è la cosa più preziosa che abbiamo qui in vita e quindi come decidiamo di investire il nostro tempo e soprattutto con chi.

In questa tuo forte desiderio di cambiamento, credi che il viaggio sia stato il flusso vincente per trovare quella nuova linfa per sentirti rinnovata?

Certo, il viaggio per me è tutto, è Vita. In viaggio io mi sento Viva, mi sento me stessa, mi sento lucente, vibrante ed energetica. In viaggio riesco a riconnettermi con la mia parte interiore, riesco a ritrovare la creatività di Giada Bambina, che nella quotidianità un po’ va ad affievolirsi. Il viaggio mi ha dato la forza e il coraggio per fare il grande passo del cambiamento, per lasciare una vita ordinaria che ormai mi ero già costruita, ma che mi stava soffocando e spegnendo di giorno in giorno. Così con il mio primo viaggio con un gruppo di sconosciuti, eh si, al contrario di molte persone che hanno ritrovato sé stessi con viaggi in solitaria, a me è successo il contrario, ho trovato la forza solo dopo un grande viaggio con persone sconosciute solo all’apparenza, per poi scoprirle molto più simili a me di tante altre persone che sono state al mio fianco per anni.




Parliamo di viaggi e carattere dei luoghi. C’è una destinazione o esperienza su tutte che è stata in grado di scuoterti? Di provocarti una energia nuova e far svoltare le tue idee?

Ce ne sono tanti, a partire dal viaggio che mi sono regalata per il diploma, il fantastico Egitto Antico che mi ha fatto capire quanto siamo piccoli noi essere umani e quanto è breve la nostra vita in questa Terra.


Dal Marocco non turistico, dove la vita sembra essersi fermata a 200 anni fa, dove le persone vanno al mercato con l’asino e usano ancora il baratto, dove le persone vivono in mezzo al deserto e non sanno cosa c’è oltre quella duna.


Alla Turchia dove appunto mi ha completamente cambiata perché mi ha dato la forza per riprendermi la mia vita e ascoltarmi veramente.


Nelle campagne e nel mare del Sud dell’Inghilterra, dove mi trovo ora per una pausa di qualche mese, dove mi ha ridato la pace, la serenità e la voglia di lavorare molto su me stessa, di studiare per ricominciare consapevole del mio potenziale e della mia energia inesauribile.




Quali sono i limiti principali che secondo te oggi possiede una donna? Se in questo momento dovessi avere davanti a te una ragazza timorosa nel viaggiare, nell’affermare i suoi sogni, cosa gli consiglieresti?

I timori maggiori che ha una donna, purtroppo sono stati trasmessi dalla società, dalla cultura, dalla famiglia e dalle usanze, ma ora siamo nel 2020 e dobbiamo prenderci in mano la nostra vita.

La donna ha l’idea di non bastarsi, di non essere in grado di fare le cose da sola, ma soprattutto di non essere in grado di vivere da sola perché ha bisogno di un uomo per affrontare la vita quotidiana o un viaggio.


Ma questo è un enorme errore, noi donne siamo in grado di fare tutto quello che vogliamo e possiamo immaginare, non siamo meno intelligenti o meno forti per affrontare situazioni normalmente classificate “da uomini”.


Noi donne dobbiamo renderci conto che siamo esseri splendenti, indipendentemente dal sesso, che siamo forti come lo sono gli uomini, che siamo abbastanza così come siamo, che dobbiamo pensare un po’ a noi stesse e non sempre agli altri e alla loro felicità reprimendo i nostri sentimenti. Prima cosa dobbiamo ascoltare noi stesse, i nostri sogni, cosa ci rende felice, cosa ci fa sentire leggere e appagate e poi avere la forza di superare tutte le nostre paure, affrontare le altre persone che ci bloccano e superare una delle ansie più grandi: che una donna subisca violenze.


Noi non siamo indifese, siamo noi per prime che ci dobbiamo difendere, da noi stesse con i nostri finti limiti e dagli altri scegliendo le vie da percorrere e le persone che possono avvicinarsi al nostro percorso, allontanando quelli che potrebbero essere solo dei pericoli per noi. Tutto sta alla forza delle nostre scelte.

Quali culture, luoghi nel mondo speri di scoprire presto per affinare la tua ispirazione e proseguire nella tua magia di viaggiare?

Sono anni che sto aspettando di addentrarmi nella cultura buddista, provare forti esperienze per mettermi in gioco, per superare i miei limiti. Ma se fino ad ora non ci sono riuscita, ho capito che è perché non ero ancora pronta, perché non avevo ancora fatto un enorme lavoro su me stessa da sola e sarebbe stato tutto sprecato provare queste grandi sperimentazioni senza avere la capacità di coglierne ogni bellezza, nel mio spirito e nella mia interezza.


Quindi appena sarà possibile ripartire a viaggiare, andrò sicuramente in Asia, non so bene da dove inizierò il mio viaggio fisico e spirituale, ma questo non mi preoccupa, perché al momento giusto sarà il mio cuore a guidarmi e mi mostrerà la strada giusta da percorrere.






Giada, ecco la domanda più importante in cui diamo voce al nostro bimbo interiore. Svelaci il tuo sogno. Il motivo che dona luce hai tuoi occhi e che ti auguri di realizzare presto.


Il mio sogno più grande, fin da quando ero bambina, è di vivere e lavorare viaggiando.Non mi interessa una dimora fissa, un posto da chiamare casa, perché voglio poter chiamare casa molti luoghi in questa Terra.


Voglio poter girare entrando in ogni luogo, vivendo come le persone del posto fino a sentirlo anche mio. Non fermare mai la mia fantasia e la mia voglia di scoperta, di continuare a meravigliarmi con luoghi incantati, di commuovermi con posti miserabili, di poter dare il mio aiuto a persone e animali bisognosi, di poter immortalare momenti, sorrisi, persone, paesaggi, esperienze, oltre che nei miei ricordi, anche con le mie foto, i miei video e i miei racconti, per poter far scoprire alle altre persone quel pezzettino di Mondo visto con i miei occhi, per regalare emozioni vere.

E infine Giada ci concede con un solo gesto uno spiccato consiglio, dicendoci:

I viaggi sono i migliori maestri di vita che possano esistere e mi hanno insegnato a godere di ogni momento.


I viaggi mi hanno insegnato a vivere di ogni momento, nonostante mille profonde circostanze nel mio vagare, lungo il torrido deserto del Marocco, tra isole deserte in Grecia, temporali improvvisi a Dubai e altre avventure travolgenti nel globo, dipinte tra estro e incanto.


Anche quando pensi che tutto stia andando storto, in realtà non è così. Devi solo guardare gli eventi con una nuova prospettiva e realizzare che sia nel viaggio che nella vita puoi crescere ogni giorno di più e condurre il tuo sguardo oltre il limite. Quello che riuscirai a superare.





* Potete seguire i meravigliosi viaggi di Giada direttamente sui suoi canali:


- Su Instagram @iviaggidigiada dove pubblica le sue foto stupende

- Sul suo blog di viaggi dove ci sono tanti articoli e consigli utili

- E anche sul suo canale YouTube ricco di video e tante novità







Sei pronto per vivere un nuovo viaggio ad Oriente?


Sono andato in Nepal per capire i miei limiti, per conoscerli e superarli lungo il desiderio di incontrare la mia evoluzione.


Giovedì 3 dicembre esce "Rotta verso il Nepal" Un diario di viaggio distinto tra passi, ritratti e poesia.


Solo su Amazon... Conceditelo ad un prezzo di esordio.






  • Ascolta il travel Podcast
  • Mi trovi su LinkedIn
  • Il mio romanzo su Amazon
  • Seguimi su Instagram
Claudio - Travel Writer

Ciao viaggiatore, sono Claudio.

 

Un giorno di 6 anni ho deciso di cominciare a viaggiare vivendo finalmente in condizione dei miei sogni.

Da allora ho vissuto a Londra, Malaga, New York, Auckland, Bergen, Perth e ho avuto il privilegio di visitare più di 30 paesi nel mondo.

Viaggiando ho scoperto la passione per la scrittura e in questo tempo mi sono auto prodotto 2 romanzi ispirati alla mia vita, ho un Podcast motivazionale su Spotify, scrivo poesie e gestisco questo blog che mi offre la chance di condividere la mia vita con te.

ASCOLTA IL PODCAST SU SPOTIFY

VIAGGIARE MOTIVATI

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com